FROSINONE, UN LIBRO PER IL CENTRO STORICO

 

A cura dell’Ufficio Stampa del Comune di Frosinone

Si terrà martedì 25 settembre alle 19, presso la Casa della cultura in via Giordano Bruno a Frosinone, la presentazione del libro “’Ndocce campanile”, patrocinata dal Comune di Frosinone, nell’ambito delle iniziative comprese nel Piano di gestione “Frosinone Alta”.

 

 

Il volume, che raccoglie cento poesie di Giuseppe Alessio Di Sora, è stato curato dal giornalista Amedeo Di Sora. Nel corso della serata, il prof. Amedeo Di Sora interpreterà alcune liriche con l’accompagnamento musicale del maestro Maurizio Turriziani.

“Interprete privilegiato della nostra unicità, anzi della ciociarità stessa, non può che essere il dialetto, che incarna il nostro spirito più autentico e genuino – ha dichiarato il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani -  Attraverso questo filtro linguistico, le composizioni di Giuseppe Alessio Di Sora fanno riecheggiare, nell’animo di ognuno di noi, ricordi e immagini di un tempo lontano o, per i più fortunati e quindi più giovani dal punto di visto anagrafico, di un’epoca conosciuta attraverso i racconti di qualche anziano componente della famiglia.

Con la ristampa di “’Ndocce campanile”, dunque, si aggiunge un tassello fondamentale nell’ottica della conservazione e della riscoperta del nostro dialetto, nei cui fonemi risuonano storie, vissuti, memorie di un popolo a cui noi tutti ci onoriamo di appartenere”.

“L’amministrazione comunale è lieta di patrocinare e sostenere iniziative che possano permettere, soprattutto alle giovani generazioni, di conoscere e di tramandare la ricchezza delle tradizioni della propria terra, del proprio patrimonio storico, culturale e letterario. Del resto, ciò costituisce anche uno degli obiettivi del piano di gestione “Frosinone Alta”.

Insomma, per affrontare le sfide del futuro non dobbiamo perdere di vista la nostra identità, quell’identità unica e inimitabile così ben tratteggiata dalla penna di Giuseppe Alessio Di Sora”, ha dichiarato l’assessore al centro storico Rossella Testa.

 

Back to top